Archivi categoria: Notizie

da incorporare con newsletter

Cappello con pelle di coniglio

Dopo aver conciato la pelle di coniglio, ho fatto un cappello su misura, in questo caso ho lasciato la rigidezza della pelle in modo che prenda la forma della testa, cucito con lino 0,6 precedentemente strofinato con cera di api naturale, in modo da rendere impermeabili le cuciture.

L’ho sperimentata sul campo nei giorni in cui la temperatura qui a Norcia era scesa sui -15 sottozero e devo dire che mantiene veramente caldo, da provare sicuramente.

Calendario Sibillini Adventure 2017

  CALENDARIO ANNUALE 2017

SIBILLINI ADVENTURE A.S.D.
Scuola Nazionale di Survival & Bushcraft
Valorizziamo il territorio dei Monti Sibillini dal 2002

Gare SportiveSurvivalBushcraftFalconeriaOrienteering Campi ScuolaTiro con l’arcoEscursionismoCiaspolate e Altro ancora

Vieni a trovarci in Umbria, nello splendido e affascinante paesaggio del Parco Nazionale dei Monti Sibillini e Valnerina, una tra le zone montagnose più affascinanti dell’Italia Centrale.  

Cosa facciamo a

GENNAIO

sabato 7 (notturna) – domenica 8 (diurna) Ciaspolata a Val Canatra di Castelluccio di Norcia (escursione invernale)

sabato 21 (notturna) domenica 22 (diurna) Ciaspolata ai pantani di Accumoli zona Forca Canapine

ven-dom 27-28-29 Igloo Experience (corso intermedio di survival)
sab-dom Costruzione di rifugi sulla neve (bushcraft skills)

FEBBRAIO

ven-dom 10-11-12 Corso di introduzione alla Falconeria

sabato 18(notturna) – domenica 19(diurna) Ciaspolata ai piani di Castelluccio di Norcia

ven-dom 24-25-26 Igloo Experience (corso intermedio di survival)

MARZO

ven-dom 10-11-12 Corso base di tiro con l’arco

ven-dom 17-18-19 – 6° Raduno del Settore Survival CSEN e Gara di Survival Sportivo

ven-dom 24-25-26 Wrost Case (Corso Avanzato di Survival)

sab-dom Igloo Soft

APRILE

ven-dom 31 (marzo) – 1 – 2 Corso di costruzione dell’arco storico (bushcraft skills)

ven-dom 7-8-9 Corso di introduzione alla Falconeria

sab-dom 15-16 Corso di orientamento naturale (bushcraft skills)

sab-dom 22-23 Corso di Cesteria (bushcraft skills)

ven-dom 28-29-30 Corso base di Survival (per chi vuole può iniziare il sabato)

MAGGIO

sab-dom 6-7 Stage di riconoscimento piante edibili e officinali (bushcraft skills)

sab-dom 13-14 Trekking nel Parco Nazionale dei Monti Sibillini

sab-dom 20-21 Bushcraft per famiglie

ven-dom 26-27-28 Corso Survival Basic (per chi vuole può iniziare il sabato)

GIUGNO

sab-dom 4 Bushcraft per famiglie

sab-dom 10-11 Dimostrazioni di falconeria

sab-dom 17-18 Stage di riconoscimento piante edibili e officinali (bushcraft skills)

ven-sab 23-24-25 Corso Survival Basic (per chi vuole può iniziare il sabato)

LUGLIO

sab-dom 1-2 Trekking nel Parco Nazionale dei Monti Sibillini

sab-dom 8-9 Tecniche primitive di accensione del fuoco (bushcraft skills)

sab-dom 15-16 Tecniche primitive di scheggiatura della selce (bushcraft skills)

dom 16 Escursione sul lago di Pilato (lago di origine glaciale) sui Monti Sibillini

sab-dom 22-23 Throwing le tecniche di lancio con Atl-Atl, arco primitivo, bastone da lancio, frombola, ascia (bushcraft skills)

dom 23 Escursione sul Monte Vettore (la vetta più alta dei Monti Sibillini)

ven-dom 28-29-30 Corso base di survival (per chi vuole può iniziare il sabato)

AGOSTO

settimana dal 6 al 12 Survival Educational Camp (campo della durata di una settimana) tema di quest’anno “URBAN SURVIVAL – cosa fare in attesa dei soccorsi, in caso di calamità naturale”.

SETTEMBRE

sab-dom 2-3 Stage sul riconoscimento delle tracce e osservazione degli animali selvatici nel Parco Nazionale dei Monti Sibillini (bushcraft skills)

sab-dom 9-10 Stage di riconoscimento delle bacche selvatiche edibili e non (bushcraft skills)

sab-dom 16-17 Stage sul riconoscimento degli alberi e arbusti nel Parco Nazionale dei Monti Sibillini.

dom 24 Escursione alla Valle del Tenna nel Parco Nazionale dei Monti Sibillini.

ven-dom 29-30-1 (ottobre) Corso Survival base (per chi vuole può iniziare il sabato)

OTTOBRE

ven-dom 6-7-8 Stage sul riconoscimento dei funghi edibili e non (bushcraft skills)

ven-dom 13-14-15 Corso di orientamento con strumenti di navigazione.

sab 21 Esame Operatori di Survival CSEN

ven-dom 27-28-29 Corso Survival Intermedio

NOVEMBRE

sab 4 Esame Istruttori 1° livello

sab 1 Esame Istruttori 2° livello

ven-dom 17-18-19 Corso base di tiro con l’arco (bushcraft skills)

ven-dom 24-25-26 Wrost Case (Corso Avanzato di Survival)

DICEMBRE

sab 2 Stage sull’intreccio di materiale naturale e costruzione di utensili (bushcraft skills)

sab 9 Stage sull’utilizzo degli strumenti da taglio: coltello, roncola, sega, ascia (bushcraft skills)

sab 16 Stage sulla gestione degli animali di allevamento e bassa corte (bushcraft skills)

sab-dom 30 (in notturna) – 31 (diurna) Ultime ciaspolate dell’anno ma le prime della nuova stagione innevata, in Val Canatra a Castelluccio di Norcia tra i Monti Sibillini.

Per informazioni ed iscrizioni
Posta elettronica: info@sibilliniadventure.it
Skype: sibilliniadventure
Telefono: 0743.596044 Fax: 0743.394512 Mobile: 348.7288365

Note
Questo calendario è un promemoria per segnare sul vostro taccuino di avventure, le date delle esperienze che vi interessano, successivamente all’ avvicinarsi della data, faremo delle schede informative, per darvi più dettagli circa l’evento.

I corsi di survival devono essere fatti in ordine dal basico all’ avanzato, non è possibile frequentare l’intermedio senza aver fatto il basico.

A questo calendario nel corso dell’anno potranno essere aggiunte anche altre attività, ma le nostre esperienze wild sono integrate anche campi scuola per gli Istituti Scolastici, Teambuilding, attività per famiglie…

Per gruppi di almeno 4 partecipanti è possibile personalizzare l’attività e la data.

Perchè venire a trovarci per la bellezza dei posti, per la qualifica degli istruttori per l’esperienza della nostra associazione

STAY WILD  con Sibillini Adventure

Cos’è la Sopravvivenza Urbana?

Quando si parla di Sopravvivenza Urbana molti pensano a tutte le calamità naturali che stanno affliggendo il Nostro Centro Italia in questi ultimi mesi.

Ma sono tanti gli scenari che si presentano in una emergenza urbana e questi spaziano in complessità l’uno d’altro. Da pericoli dovuti al Genere Umano, quali: Rapina ( per Strada e in Casa), Tentativo di Stupro, Tentativo di Rapimento, Tentativo di Omicidio, Aggressione, Atti Terroristici, disastri ferroviari metropolitani, etc. Oppure di Origine Naturale come  Terremoti, Tsunami, Eruzioni Vulcaniche e varie Calamità Naturali.

Quella Urbana è una “Scienza” tra le più articolate e complesse, perché oltre alla tecnica e alla capacità si ha bisogno di approfondire molti aspetti, che generalmente non vengono contemplati nella sopravvivenza montana. Di seguito un elenco di alcuni argomenti che potrebbe tornare utile approfondire:

  • Combattimento e Difesa Personale
  • Uso di Corde e Nodi
  • NBCR (Nucleare, Biologico, Chimico e Radiologico)
  • Parkour
  • Preparazione Atletica
  • Armi e Tiro
  • Chimica-Farmaceutica
  • Tecnologia
  • Botanica
  • Meccanica
  • Alimentazione

La preparazione di una persona che si presta a sopravvivere in un contesto urbano passa attraverso tutti questi e tanti altri argomenti che non ho inserito in elenco.

Non ho utilizzato il termine ” preparazione” a caso. Questo perché essere Preparato e Pronto è l’unica opportunità che avete per fare la differenza. E per fare la differenza bisogna prepararsi, allenarsi, studiare e addestrarsi!

Analizziamo gli argomenti in elenco e cerchiamo di capire assieme il Perché ho scelto di evidenziare tra i tanti argomenti proprio questi….

  • Combattimento e Difesa Personale: Sapersi difendere  vuol dire Sopravvivere, perché dietro ad ogni aggressione c’è sempre un pericolo che può degenerare, specie se non lo si sa gestire. Pensate alle rapine in casa dove i ladri per estorcere informazioni su casseforti, gioielli eccetera si accaniscono su persone indifese senza guardare l’età, il sesso o la condizione fisica. Ci sono Arti da Difesa come il Krav Maga che contemplano nella “Difesa Personale” la dissuasione al combattimento con il ragionamento e le parole nella ricerca di placcare animi e violenza verbale (De-Escalation). Se questo non basta allora si applicano tutte le tecniche utili a ridurre o eliminare una minaccia.
  • Uso di Corde e Nodi: Conoscere i principali Nodi è sempre utile per qualsiasi legatura, ma saper utilizzare le corde e abbinare questo utilizzo ad alcuni nodi semplici può fare la differenza, e non solo in montagna! In sopravvivenza urbana conoscere un “Nodo Inglese” può essere utile per unire due corde, ma anche due lenzuola per fuggire dal primo piano di una casa durante un incendio….ad esempio!
  • NBCR: Nucleare Biologico Chimico e Radiologico. Non si parla di attacchi Nucleari, per ora, ma l’allarme Biologico, Chimico e Radiologico è sempre dietro l’angolo, basti pensare a tutte le fabbriche che circondano le nostre città e a tutti gli additivi chimici che potrebbero sprigionare in caso di incidente, oppure a tutte le malattie sconosciute che si diffondono a macchia d’olio appena varcano i confini di qualche laboratorio o paese. Non serve avere una laurea, ma la giusta preparazione alla prevenzione!!!
  • Parkour e Preparazione Atletica: Avere una buon preparazione fisica e un po’ di Agilità abbinate ad un pò di tecnica e conoscenza possono fare la differenza in caso di fuga. Vi starete chiedendo fuga da cosa? Eccovi qualche esempio: Tentativo di Rapina, Tentativo di Aggressione o per essere più drastici, per raggiungere una via di fuga sicura in caso di Tsunami, Terremoto, Eruzione, Valanga e tanto altro….sicuramente avere un determinato allenamento alla resistenza e all’agilità possono aiutare sulle lunghe distanze e per affrontare ostacoli.
  • Armi e Tiro: Non bisogna essere dei cecchini, ma avere la conoscenza sull’utilizzo, ma soprattutto sulla sicurezza nel maneggio di un arma può essere qualcosa in più. Sapere come verificare se un arma è scarica, come si carica e si scarica, come si inserisce e si disinserisce la sicura, come si prende la mira e come si agisce sulla leva di sparo.
  •  Chimica e Farmaceutica: al giorno d’oggi quasi tutte le sostanze che abbiamo in casa sono composizioni chimiche che all’occorrenza possono tornare utili per mille utilizzi. Dall’accensione di un fuoco, alla disinfezione dell’acqua. Lo stesso vale con l’avere qualche nozione di farmaceutica, ad esempio mescolando permanganato di potassio e zucchero e frizionandoli si innesca un fuoco. Oppure torna utile per purificare l’acqua se utilizzato nelle giuste dosi…per questo avere un po’ di nozioni non guasta!
  • Tecnologia: Sapevate che con la batteria del vostro cellulare ed una carta di chewing gum potete accendere un fuoco? O che con la calamita della cassa acustica del vostro smartphone ed un ago potete realizzare una bussola? E questi sono tra gli esempi più semplici che potevo elencare. Così come è semplice, se la si impara, la comunicazione via radio e la trasmissione di segnali radio, magari utili per essere individuati e salvati!
  • Botanica: Negli anni la flora urbana è cambiata grazie anche all’importazione di specie vegetali importate da altri continenti. Palme, Banani, Kiwi, Eucalipto e tante altre specie, fanno parte, ormai, del nostro arredo urbano. Quindi perché, oltre alle piante endemiche, non studiare quelle importate nei secoli! E’ importante conoscere l’utilizzo, la commestibilità e se queste possono essere utilizzate come “medicinali”. Inoltre tra le cose da sapere c’è anche che grazie o a causa di queste piante, molti insetti hanno iniziato ad abitare le nostre città e molti di questi possono essere portatori di gravi malattie oppure possono aiutarci a sopravvivere. Un esempio della presenza di insetti arrivati da altri continenti  può essere la ” strage” di Palme dovuta dall’aggressione del Punteruolo Rosso (che in caso di emergenza può rivelarsi un buon alimento proteico).
  • Meccanica: Non basta saper guidare una macchina, una moto o una bicicletta per sopravvivere, ma conoscere le parti che la compongono può tornare utile per la costruzione di un arma o di un armatura, l’accensione di un fuoco, la costruzione di una zattera o di una barella. Utilizzare alcune parti per la costruzione di trappole come il cavo di una frizione o la molla di un cofano.  Conoscere l’ubicazione dei serbatoi di carburante e olio può servire per estrarre i liquidi per accendere un fuoco di segnalazione o per costruire una lampada o una torcia. Utilizzare gli specchietti retrovisori o i riflettenti dei fari per comunicazioni terra aria, terra terra e terra mare.
  • Alimentazione: Sapere quali alimenti possono dare energia è importante quanto sapere che l’acqua raccolta va sempre bollita e purificata. Abbiamo parlato del Punteruolo Rosso ma ci sono tanti altri insetti e piante che possono darci sostentamento.

Ciò che avete letto non vuole insegnare niente a nessuno, ma soltanto solleticare la curiosità di imparare, conoscere e apprendere. E, laddove, vogliate imparare, un consiglio è quello di affidarvi a dei professionisti che con il loro insegnamento e al Learning by doing possono darvi tanto mettendovi alla prova con degli scenari realistici e in completa sicurezza.

 

Daniele Facchino

Settore Sopravvivenza Sardegna

Notizie dal 5° raduno istruttori survival CSEN 2015

Questo week end si sono ritrovati 23 istruttori di sopravvivenza per scambiarci esperienze e progettare qualche progetto di gruppo a favore di questa disciplina dal punto di vista sportivo e di immagine.
Ringrazio tutti i partecipanti per la loro disponibilità a prendere tanta acqua in nome della passione che ci accomuna!!!

 

12240027_1031653986897793_6504273467651762407_n

12241383_1031653790231146_9126437223821090215_n

12243125_1031349263594932_3371931317030126185_n

12249820_1031349096928282_5878800835836743229_nshelter

cucina trappeurscucina trappeurs12274647_803262503133040_4149199796557389964_nLezioni in aula

12295315_1031349006928291_7418085536634271953_n

foto degli istruttorifoto degli istruttoriyurtayurta

Un ringraziamento agli istruttori e le scuole di survival che hanno partecipato della regione Piemonte, Lombardia, Toscana, Marche, Umbria, Molise, Calabria, Lazio, Emilia Romagna, Sardegna.

Gara di tiro con arco storico

 

La Sibillini Adventure ASD organizza la gara di tiro con arco storico a Norcia (PG) il 14/03/2015, la gara verrà svolta su percorso boschivo con tiri su bersagli a distanze sconosciute.

 

Gara di tiro con arco storico

 

Inizio tiri ore 09:30, ore 08:30 controllo materiale e chiamata alle piazzole, sono ammessi solamente gli archi storici, corda naturale, frecce in legno e impennaggio naturale. Numero totale 24 piazzole di tiro dai 5 ai 30 metri.

Per informazioni e iscrizioni potete contattare Giuseppe Fasulo al 348.7288365 o info@sopravvivenza.net

Combat Survival Stage Sardinia

 

Gentili visitatori sfruttiamo la prima pagina del nostro Sito (www.sardiniasurvivalschool.com ) per
farvi leggere il pensiero nato dal Corso di Combat Survival e messo nero su bianco dal Maestro Massimo Fenu della Scuola D’ Armi di Cagliari…. Devo dire che l’attività svolta ha visto un mix di tecniche tra Archeologia Sperimentale, Survival Operativo e Tecniche di combattimento estratte da Krav Maga, Kali Filippino, JKD, Nova Scrimia e altre, fondersi in uno stage che sotto tutti gli aspetti ha aperto le porte alla collaborazione tra la Nostra Scuola e  la Scuola D’Armi di Cagliari facendoci rimarcare con umiltà che ” C’E’ SEMPRE DA IMPARARE!” e se lo si fa da gente preparata come gli ultimi partecipanti allora si che diventa piacevole portare avanti la missione che lo CSEN-Survival (R) si è prefissata negli Anni di
Esperienza…..condividere la propria passione con chi ha passione!!!

Buona Lettura!

Il set mentale del combattente.

Pensi che saper combattere sia prerogativa di poche persone? Sei mai riuscito a spiegarti come in situazioni di pericolo le persone siano in grado di compiere imprese sovrumane?
Se quello che pensi è che si tratta di casi rari e che non riguardi te sappi che la parte più antica del tuo cervello, quella preposta alla sopravvivenza, difficilmente si farà convincere. In questo articolo ti spiego il perché ed in che modo puoi risvegliare, riconoscere e riappropriati delle qualità da combattente intrinseche nell’essere umano.

Per lunghissimo tempo siamo stati cacciatori e raccoglitori. Per
lunghissimo tempo molto prima dell’allevamento e dell’agricoltura il nostro cervello si è adattato a sopravvivere ad un ambiente ostile sviluppando una mentalità da combattente.
Puoi pensare alla parte arcaica del tuo cervello come ad un veterano di moltissime battaglie uno che, per intenderci, ha ben chiaro cosa voglia dire sopravvivere e combattere. Questa parte arcaica malgrado sia affiancata da le parti evolute del cervello e nascosta sotto coltri di schemi sociali appresi e affiancata è ancora presente e tutt’ora comanda quando le cose si mettono male.

Con quanta velocità si scappa da un cane infuriato? Con quanta forza si è in grado di lottare quando si teme per la propria vita?
Quanto lo stimolo della fame influenza le nostre scelte alimentari?
Ancora oggi che palesemente nel mondo occidentale non c’è carenza di cibo, è ben presente la problematica di chi, comunque, fa scorta.

Questo veterano ha i suoi difetti. Come alcuni soldati giapponesi lasciati da soli in un’isola deserta, crede di essere ancora in guerra.
Non distingue un’aggressione fisica da una verbale attuando gli stessi meccanismi di difesa (rilascio di ormoni per le reazioni di
combattimento o fuga). Teme costantemente la carestia. Non solo alimentare ma il rischio di rimanere a corto di qualsiasi bene utile. Lo sanno bene i pubblicitari che spingono a comprare gli ultimi pezzi disponibili a prezzo
scontato.
Ha uno spiccato interesse per la riproduzione. Si, è lui, ma non
pensare che possa valere come scusa con il tuo partner.

Ma ha anche tantissimi pregi. E’ capace di portare a livelli
inimmaginabili la tua resistenza, la tua reattività e la tua forza.
Purtroppo nella vita moderna ha poche occasioni per farsi valere quando non, talvolta, assolutamente fuori contesto.
Per ottenere i pregi evitando i difetti occorre riconoscere di avere questa parte e risvegliarla. E’ quello che si fa quando si combatte, in diversi modi, in palestra.
Lotta, boxe, thaiboxe. E’ ciò che si stimola attraverso addestramenti sotto stress nella difesa personale del Krav Maga.

E’ ciò che si risveglia in un corso di survival quando ci si deve
adattare al freddo al caldo e alla fatica, reperire cibo e acqua,
accendere un fuoco, costruire ed utilizzare un’arma per la difesa o per la caccia. Questo set mentale porta dal “Non ci riesco” al “posso farlo, so farlo”.

Non trasforma in super uomini.
Ci fa riconoscere semplicemente gli uomini e le donne che siamo davvero.

C.S.E.N.

Il Centro Sportivo Educativo Nazionale (C.S.E.N.) è Ente di Promozione Sportiva riconosciuto dal CONI [D.lgs. 242 del 23/7/99 Delib. Cons. Naz. CONI 1224 del 15/5/2002]; Ente nazionale con finalità assistenziali riconosciuto dal Ministero degli Interni [D.M. 559/C 3206-12000 – A (101) del 29-02-1992]; Ente Nazionale di Promozione Sociale [iscrizione n°77 Registro Nazionale Ministero del Lavoro e Politiche Sociali – Legge 7-12-2000 n.383] ed è iscritto all’Albo Provvisorio del Servizio Civile Nazionale. Ente di promozione sportiva riconosciuto dal CIP. Ente in possesso di certificazione ISO 9001:2008 (certificato RINA n.28746/13/s). Ente di promozione accreditato MIUR per la formazione del personale della scuola D.M. prot. AOODPIT 595 del 15/07/2014. Riconosciuto SNAQ.

Organigramma Nazionale:

Presidente Nazionale: Francesco Proietti
Vice Presidenti Nazionali: Giuliano Clinori, Mario Pappagallo, Ugo Salines 
Segretario Nazionale: Tommaso D’Aprile

Direzione Nazionale: Mario Pappagallo, Ugo Salines, Domenico Marzullo, Giuliano Clinori, Franco Crisci, Giuseppe Tarantino, Fabbrizio Paffarini, Amabile Bonafede, Luciano Reali, Renato Esposito, Carmelo Labrini, Paolo Zerbino, Gianfranco Sartini, Pietro Civiletti, Silvestro Demontis, Maria Francesca Baldi

Il CSEN opera su tutto il territorio nazionale ed è rappresentato nelle 20 regioni italiane; è altresì presente in 108 capoluoghi di province;

• lo sviluppo delle Associazioni Csen è in continua evoluzione attualmente raggiunge oltre 16.900 unità;
• per quanto riguarda il numero dei tesserati si supera 1.500.000 unità.

FINALITA’

•  Persegue uno scopo promozionale e di propaganda sportiva di alto valore sociale.

•  Contribuisce allo sviluppo della pratica sportiva ed alla realizzazione dell’obiettivo di uno sport per tutti e di tutti.

•  Crea le condizioni di un più largo sviluppo della educazione fisica, dello sport e della salute.

•  Collabora con il C.O.N.I. e le Federazioni Sportive, con la scuola, con le Regioni e gli Enti Locali, con le forze sociali e politiche e con le libere associazioni di altri Paesi.

•  Stimola la crescita delle Società Sportive.

•  Opera su tutto il territorio nazionale senza fine di lucro.

ORGANIZZAZIONE

1.650.000 Soci Dirigenti, Tecnici, Atleti, Amatori
14.500 Associazioni Sportive A.S.D.
1.400 Associazioni Sportive (Basi Associative Sportive)
2.000 Associazioni Promozione Sociale e Tempo Libero
1.200.000 Tesserati Sportivi
500.000 Tesserati del Tempo Libero
20 Comitati Regionali
106 Comitati Provinciali
25 Comitati di Zona

ATTIVITA’

•  Centri di Formazione Sportiva.

•  Promozione ed organizzazione di manifestazioni amatoriali ed agonisti­che per tutte le età.

•  Organizzazione di campionati e tornei per tutte le categorie maschili e femminili.

•  Attività di formazione e di aggiornamento per dirigenti, tecnici, operatori sportivi ed istruttori.

•  Attività di ricerca, studio e sperimentazione.

•  Attività culturali, ricreative e del tempo libero.

PUBBLICAZIONI

Boy’Sport, periodico trimestrale ufficiale dell’Ente sui problemi culturali, politici, sociali e didattico-scolastici dello sport e dell’educazione fisica.

Pubblicazione ed edizioni di educazione fisica e sportiva; di normative legislative, civilistiche e fiscali in materia.

Pubblicazione CSEN News, quotidiano on line su tutte le attività e le novità dell’ente e delle sue associazioni.



Ufficio Relazioni

UFFICIO RELAZIONI CON GLI UTENTI

CHE COS’E’

Ufficio per le Relazioni con gli utenti, nasce per facilitare, migliorare ed estendere l’accesso alle attività del Settore Nazionale Survival C.S.E.N. .
Potete quindi rivolgervi all’ufficio relazioni, per avere informazioni su procedure, eventi, corsi, per segnalare un disservizio, delle proposte, suggerimenti, problematiche.


COSA FA
In particolare all’ufficio diamo informazioni:
– sulle modalità di accesso alle attività;
– sullo stato e l’iter delle pratiche;
– sull’organizzazione, direttori delle scuole e responsabili del Settore Nazionale Survival CSEN, a chi bisogna rivolgersi e dove;
– sulle iniziative e sugli eventi del Settore Nazionale Survival CSEN;
– c
ontrolliamo che i tecnici (istruttori e operatori) sono stati verificati.

Accogliamo segnalazioni di disservizi, disagi, problemi riscontrati dagli utenti, ma anche gli apprezzamenti sull’operato del Settore Survival CSEN;



DOVE

Ufficio Relazioni
Località Case Sparse n.298 – 06046 Norcia(PG)
e-mail: csensurvival@gmail.com


Aggiornamento tesi istruttori di sopravvivenza 2013

Sono stati pubblicati sull’area riservata istruttori, le tesi per l’anno 2013, svolte dagli esaminandi che hanno conseguito il brevetto tecnico di istruttore nazionale di sopravvivenza CSEN, le tesi riguardano: acqua, costruzione dell’arco storico, caccia con l’arco, ricettario da campo, lo shelter, alimentazione di sopravvivenza, rifugi, sopravvivenza operativa, gli alberi utilizzabili nella sopravvivenza, topografia.